Soluzioni a base di ozono, disinfettante naturale contro virus e batteri

Informazioni utili

Ragazza che fa la spesa in un negozio sanificato con ozono
Informazioni utili

Sanificazione dei negozi contro il coronavirus, ecco perché scegliere l’ozono

Non vi è alcun dubbio: l’emergenza sanitaria del coronavirus ha recentemente contribuito ad aumentare la consapevolezza delle persone dell’importanza dell’igiene e sanificazione. Il coronavirus ci sta facendo cambiare radicalmente le nostre abitudini: almeno finché non ci sarà un vaccino, le uniche che abbiamo per difenderci sono il distanziamento sociale e l’igiene personale e dei luoghi pubblici.

La progressiva ripartenza di numerose attività quali negozi e ristoranti comporta per queste realtà alcuni obblighi, come per esempio la sanificazione totale degli ambienti.

Vi sono vari modi per eseguire una buona sanificazione, ma il metodo più efficace consiste nel trattamento con l’ozono.

Che cos’è l’ozono e perché è così efficace?

Come abbiamo ormai imparato, la velocità in cui virus, microrganismi e batteri si riproducono e diffondono è incredibile. I virus possono circolare nell’aria, ma trovano un terreno ancora più fertile quando si depositano sulle superfici non igienizzate. Il modo migliore per sanificare totalmente un negozio e tutelare sé stessi e i clienti rappresenta l’utilizzo di un generatore di ozono.

L’ozono è una molecola triatomica di ossigeno che viene utilizzata da molti anni nei campi dell’igiene e della sanità in virtù delle sue rinomate proprietà disinfettanti e igienizzanti. Ecco perché un negozio sanificato con l’ozono sarà reso velocemente più sicuro e purificato.

L’azione dell’ozono, infatti, riesce a eliminare e/o inattivare tutti i microrganismi presenti nell’aria e sulle superfici come germi, virus, batteri, funghi e allergeni.

L’ozono, quindi, ti consentirà ad annullare completamente la presenza di microrganismi, virus e batteri in ambienti chiusi come negozi, igienizzando sia l’aria che le superfici. L’efficace azione di un ozonizzatore, inoltre, porterà interessanti e utili risultati anche a lungo termine, dal momento che renderà l’intero ambiente inadatto alla proliferazione di nuovi virus e batteri.

Pertanto, la sanificazione di un negozio con l’ozono è la soluzione ideale in un periodo di emergenza come quello che stiamo vivendo a causa del coronavirus. Grazie a un generatore di ozono riuscirai ad attivare una procedura di sanificazione e igienizzazione che andrà ben oltre le tradizionali attività di pulizia: l’ozono porterà risultati migliori in tempistiche decisamente più brevi, e il negozio così sanificato diventerà un luogo di grande sicurezza per tutti coloro che lo frequenteranno.

Infatti, come accennato nei paragrafi precedenti, la consapevolezza che le persone hanno nei confronti dell’igiene è cambiata, e vedere un negozio totalmente sanificato e igienizzato rappresenterà anche una garanzia per i clienti, che si sentiranno più sicuri e tutelati mentre lo frequentano.

Sanificare il tuo negozio con l’ozono, dunque, non sarà utile solo per questioni di sicurezza, ma rappresenterà anche un buon modo per ripartire e rientrare nel circuito economico più forti di prima.

Come si può sanificare un negozio contro il coronavirus con l’ozono?

Per attivare un processo di sanificazione dei negozi con l’ozono è necessario procurarsi un generatore di ozono, capace di ozonizzare totalmente gli ambienti e le superfici, neutralizzando e ossidando tutti i virus e microrganismi presenti.
Riassumiamo in un elenco i principali vantaggi che otterrai se sceglierai di sanificare un negozio con l’ozono:

  • Ridurrai drasticamente la presenza di virus e microrganismi, creando un ambiente sano e sicuro
  • La salute di tutti coloro che frequentano il negozio, dai clienti al personale, sarà tutelata in maniera impeccabile
  • Riuscirai a igienizzare l’aria, rendendola più purificata e libera da microrganismi
  • Creerai un ambiente sanificato in cui sarà più difficile per i virus proliferare e diffondersi.

Come abbiamo visto, dunque, sanificare un negozio con l’ozono rappresenta una soluzione innovativa ed efficace, che ti consentirà di aumentare il livello di sicurezza degli ambienti e combattere l’emergenza sanitaria del coronavirus nel migliore dei modi.

In un mondo in cui gli aspetti dell’igiene e della sanificazione prevedono di essere sempre più presenti e preponderanti, è bene attivarsi e agire velocemente, così da ripartire nel migliore dei modi e dare il proprio contributo per fare sì che l’emergenza sanitaria termini il prima possibile.

Cane sul letto che copre un occhio con una zampa, per parlare del trattamento all ozono che rimuove i cattivi odori
Informazioni utili

Igienizzazione della casa con l’Ozono, come si fa?

Il timore di portare nelle nostre abitazioni temuti agenti patogeni, soprattutto in una fase post pandemica, ha indotto molte persone ad interessarsi ad un argomento per alcuni sconosciuto fino a pochi mesi fa: l’igienizzazione domestica con l’Ozono.

Si tratta di un procedimento:

  • efficace, dal momento che l’Ozono riesce a eliminare quasi integralmente la presenza dei più svariati agenti patogeni che possono soggiornare nelle nostre case come batteri, virus, muffe, funghi (parliamo di oltre il 99,98% di efficacia!);
  • sicuro, visto che l’Ozono si riconverte naturalmente in Ossigeno dopo circa una ventina di minuti dal trattamento;
  • ecologico, dal momento che non necessita dell’impiego di prodotti chimici.

Ma vediamo più nel dettaglio come igienizzare la casa con l’Ozono e cosa possiamo effettivamente igienizzare.

Cosa igienizzare con l’Ozono e come utilizzarlo

Iniziamo col dire che possiamo impiegare l’Ozono per igienizzare interi ambienti della casa.

Possiamo purificare l’aria, igienizzare tessuti e materassi, igienizzare l’acqua e perfino igienizzare frutta, verdura e cibo in generale nei nostri frigoriferi.

L’azione dell’Ozono rimuove anche i cattivi odori?

Assolutamente sì.
L’azione dell’Ozono agisce anche sui cattivi odori, quindi lo rende perfetto per l’uso in presenza di animali domestici o negli ambienti saturi di odori come le cucine.

Come si sanifica con i generatori di Ozono?

Quello che dobbiamo fare è dotarci di appositi ozonizzatori domestici, dei macchinari che erogano Ozono, della quantità e con la potenza adeguata alle dimensioni degli ambienti e dell’uso che dobbiamo farne.

Esistono ozonizzatori da parete, che è sufficiente applicare al muro per poterlo lasciare agire, oppure ozonizzatori che basta semplicemente lasciare sul pavimento o poggiare sul ripiano.

Entrambi questi modelli saranno dotati di timer che possiamo impostare per l’accensione e per il tempo necessario alla procedura di sanificazione.

Alcuni ozonizzatori sono dotati di appositi tubicini e pietre pomici che servono a sanificare l’acqua, per cui abbiamo anche la possibilità di godere di acqua pulita e sanificata con la quale possiamo fare il bucato (e non serve neppure aggiungere detersivi chimici!) o che possiamo travasare in erogatori spray e utilizzarla per pulire superfici.

In commercio, inoltre, possiamo reperire ozonizzatori di più piccole dimensioni che possiamo applicare in frigo e che potrà permetterci di sanificare alimenti e tenere il frigorifero pulito e libero da odori sgradevoli.

Per utilizzarli basta collegarli alla corrente ed impostare il timer sulla base del programma e del prodotto scelto.
A questo punto dovete solo lasciare l’ambiente e aspettare.

Ci sono controindicazioni o rischi per la salute?

Unica regola da tenere a mente è che, se decidiamo di adoperare un erogatore di Ozono domestico, è bene lasciarlo agire da solo, senza la nostra presenza nell’ambiente che sta sanificando.

Questo perché l’Ozono può risultare fastidioso per le persone, e può arrecare giramenti di testa e nausea qualora lo si attivasse in presenza di qualcuno.

Sarà possibile accedere agli ambienti sanificati circa una mezz’ora dopo che l’erogatore abbia svolto il suo lavoro, dal momento che l’Ozono si converte naturalmente in ossigeno e potremo godere di una stanza pulita, rinfrescata e soprattutto inodore.

Ricordatevi, se avete degli acquari, di spostarli durante l’azione dell’Ozono, così come di far uscire gli animali domestici.
Nessun problema invece per le piante, quella possono restare senza problemi.

Quale prodotto mi consigliate per sanificare la mia casa con l’Ozono?

generatore di ozono portatileIl mercato dei generatori di Ozono è molto ampio e putroppo tra di essi sono presenti anche tanti prodotti di scarsa qualità.
Affidarsi ad un produttore serio è importante, tanto più se Italiano e quindi con un prodotto certificato per il nostro mercato con i nostri standard qualitativi per legge (i più elevati al mondo!)

Su Amazon è possibile reperire molti prodotti ad uso domestico, le cui caratteristiche tecniche sono spesso “un po’ gonfiate” per renderli più attraenti.
Li abbiamo trattati anche noi in questo articolo, ma si tratta sempre di prodotti di fascia economica.

Per una corretta sanificazione degli ambienti domestici, anche quotidiana, preferiamo consigliarvi un prodotto semi-professionale.

Non è troppo costoso un prodotto semi-professionale?

La domanda che ci pongono tutti quando gli proponiamo un prodotto semi-professionale per un uso domestico è quella del costo: non è troppo per le mie tasche?

In realtà no.

Il nostro Ozonizzatore portatile costa soli 639€ inclusivi di spedizione assicurata, una differenza di meno di 200€ rispetto ai prodotti “commerciali“.
Ma la qualità è nettamente diversa, in quanto questo dispositivo può operare anche più volte al giorno senza problemi di usura o di scarso raffreddamento.

Si tratta difatti di un prodotto scelto da moltissime strutture alberghiere per sanificare le camere, o dagli autolavaggi per sanificare i veicoli in pochi minuti, quindi con un uso intensivissimo e che non causa mai problemi.

Inoltre è un prodotto garantito Italiano, mentre quelli su Amazon (anche quelli selezionati da noi) sono comunque prodotti in Cina.

Foto di una scrivania con vari pc, un ambiente pulito
Informazioni utili

Trattamenti degli ambienti all’Ozono, in cosa consistono?

In cosa consistono i trattamenti all’Ozono negli ambienti e perché risultano particolarmente importanti in un periodo post pandemia da Covid-19?
Bisogna dire innanzitutto che la tendenza di mercato, a seguito della pandemia da Covid-19, è sempre più verso una maggiore attenzione alla pulizia degli ambienti così come all’igiene delle mani.

Un altro aspetto da considerare è che è bene informarsi sulle pratiche di sanificazione degli ambienti, così da poter essere informati prima di poterci rivolgere alle attività ricettive o alla ristorazione.

Se poi l’argomento ci interessa particolarmente, possiamo introdurre questa pratica nel quotidiano, all’interno delle nostre case, delle nostre auto e, perché no, nelle nostre dispense e frigoriferi!

In cosa consiste la sanificazione degli ambienti con l’Ozono.

L’Ozono è un gas presente in natura, composto da tre molecole di ossigeno e dalle proprietà particolarmente disinfettanti, dal momento che ha la capacità di distruggere microorganismi come batteri, funghi, muffe e i temuti virus.

Ma come poterlo utilizzare nelle nostre case o negli ambienti di lavoro?

Esistono in commercio piccoli erogatori di Ozono, da applicare alle pareti, da posare sul pavimento, da poter trasportare da una stanza all’altra o da poter introdurre nel frigo.

A seconda delle nostre esigenze (dimensione degli ambienti) possiamo scegliere l’erogatore che più fa per noi.
Ad esempio per la sanificazione tra le mura delle nostre case, lo sai che abbiamo selezionato i migliori ozonizzatori domestici?

Una sola regola: non sostare nella stanza durante la sanificazione, perché l’Ozono può dare degli effetti collaterali come nausea e giramenti di testa.

Bisogna attendere una trentina di minuti per poter soggiornare nella stanza sanificata.

L’Ozono, infatti, si riconverte naturalmente in Ossigeno, per cui non ci sono effetti collaterali: si tratta di una pratica sicura ed ecologica.

Per ambienti più grandi invece?
Come posso essere sicuro che ristoranti, alberghi, uffici abbiano adeguatamente fatto ricorso a procedure di sanificazione?

In questi casi le aziende si affidano o a vere e proprie imprese che si occupano di sanificazione, o provvedono autonomamente con apparecchi professionali.

In queste circostanze, infatti, parliamo di ambienti di grandi dimensioni, che necessitano di erogazioni più massicce e prolungate.

Nel caso delle aziende sulla sanificatrici, operatori professionisti si occuperanno di adoperare al meglio erogatori di grandi dimensioni con maggiore potenza di erogazione e sapranno calibrare anche la durata del trattamento.

Bisogna quindi richiedere opportune certificazioni per potersi assicurare di soggiornare in ambienti sanificati.

Altrimenti, qualora si provveda in autonomia (cosa assolutamente fattibile e legittima), è importante rivolgersi ad un fornitore che garantisca il prodotto.
In quel caso potete provvedere autonomamente alla sanificazione, risparmiando notevolmente rispetto a quanto spendereste chiamando quotidianamente un’azienda esterna.

Non dimentichiamo, poi, che l’operazione di sanificazione va ripetuta periodicamente.

Si tratta di un intervento sicuro ed ecologico, oltre che molto efficace perché il gas raggiunge ogni angolo dell’ambiente, ma l’effetto è ovviamente temporaneo.
Una volta che l’ambiente è stato nuovamente “occupato” dal personale, andrà ulteriormente sanificato prima di un ulteriore utilizzo se volete garantirne l’usabilità in tutta sicurezza.

Lo sapevi che un Generatore di Ozono può anche essere noleggiato?

I costi di noleggio a volte sono davvero bassi (si parte da 1€ al giorno), nonché detraibili.
Inoltre ci sono molti strumenti per poter ricevere un credito d’imposta per l’acquisto o il noleggio di sanificatori all’Ozono.

Operatore con guanti che sanifica un veicolo con uno spray
Informazioni utili

Sanificazione delle auto con Ozono, come si fa e che vantaggi porta rispetto ai detergenti?

La pandemia da Covid-19 ci ha messo di fronte alla necessità di modificare le nostre abitudini di viaggio e, in generale di spostamento.

Molti pendolari, probabilmente, preferiranno recarsi a lavoro in auto piuttosto che ricorrere ai mezzi pubblici.
Per questo motivo la sanificazione dell’auto potrebbe diventare un’abitudine per migliaia di automobilisti.

Ma la questione degli spostamenti sarà relativa anche ai taxi, al car sharing, agli uber.

In linea di massima, quindi, sarebbe opportuno imparare a tenere l’auto adeguatamente sanificata, così come ad informarsi sulle condizioni di igiene dei mezzi, anche privati, ai quali ricorreremo per i nostri spostamenti.

Ecco cosa c’è da sapere sulla sanificazione delle auto.

Sanificazione delle auto con Ozono, come funziona?

Non vi è dubbio che uno dei metodi più sicuri per sanificare la nostra auto è ricorrere all’Ozono, un gas che possiede un alto potere ossidativo ed è quindi in grado di eliminare microorganismi come batteri, virus, funghi, muffe con una accuratezza del 99,98% e che lascerà l’abitacolo privo di odori.

Contrariamente ad altri disinfettanti (come il cloro) non lascia residui, non danneggia i componenti e le plastiche e non impatta sull’ambiente.

Ovviamente anche l’abitacolo andrà sanificato con una maggiore frequenza rispetto al passato, in particolar modo su tutti i veicoli utilizzati da più persone, ma come scegliere l’approccio migliore?

In primo luogo è necessario scegliere i giusti impianti professionali, ad esempio quelli in grado di evitare la dispersione di NOx e che abbiano dei sensori appositi in grado di rilevare il gas erogato.

Vi ricordiamo che l’abitacolo andrà preventivamente pulito con i classici prodotti detergenti, ma ricordiamo che l’obiettivo di questa operazione manuale è solo di pulire, non sanificare!
Pulendo andremo a togliere macchie e polvere, è un’operazione totalmente distinta dalla sanificazione, ma è sempre meglio sanificare una superficie senza macchie piuttosto che una sporca, non trovate?

Questo comporta che la pulizia non andrà di certo fatta quotidianamente, ma anzi potrà avvenire anche con periodicità molto più larghe, ad esempio una volta al mese o ogni due mesi.

Differentemente, la sanificazione potrà esser fatta quotidianamente o anche più volte al giorno volendo!

L’operazione richiede pochissimi minuti quindi è possibile compierla anche in uno stacco di tempo.

Il processo di sanificazione del veicolo con l’Ozono

Il processo di sanificazione prevede che il macchinario portatile venga avvicinato al veicolo e attraverso un tubo flessibile la miscela gassosa venga erogata vicino alle bocchette di areazione.

L’erogazione si interromperà automaticamente una volta raggiunta la concentrazione prefissata.

A questo punto si manterrà attivo il flusso d’aria ma con il ricircolo attivo per una decina di minuti, così da sanificare completamente l’abitacolo e tutte le condotte dell’impianto di climatizzazione.

Al termine dell’operazione, sarà necessario aprire le portiere e lasciare arieggiare per circa uno o due minuti.

La sanificazione all’Ozono si attiva su qualsiasi superficie, non serve spostare nulla dall’auto perché la forma gassosa dell’Ozono riesce a raggiungere ogni punto, ogni angolo dell’interno del veicolo.

Inoltre, al termine dell’operazione non sarà necessario alcun risciacquo o alcuna pulizia specifica.

Lo stesso procedimento potrà essere effettuato anche all’interno del garage se ne possedete uno.

Naturalmente, il tutto deve essere proporzionato all’ambiente circostante e alle dimensioni dell’area da trattare ma, con a disposizione appositi ozonizzatori, il procedimento di sanificazione potrà essere applicato a qualsiasi ambiente necessiti di una profonda igienizzazione.

Perché va preferito ai detergenti disinfettanti o all’etanolo?

Fermo restando che la pulizia dell’abitacolo è sempre importante, la sanificazione all’Ozono consente di sanificare l’abitacolo senza andare incontro a danneggiamenti allo stesso.

È il caso dell’etanolo, spesso usato convinti che sia una garanzia di sanificazione.
La sua azione è sì efficace, ma molto corrosiva sulle plastiche della scocca, col risultato che dopo poche sanificazioni inizieranno ad uscire della macchie sulla stessa fino alla creazione di polvere dalla plastica stessa che potrebbe perfino essere inalata.

Inoltre sui veicoli blindati, quali volanti o furgoni, l’etanolo è assolutamente da evitare in quanto può danneggiare la struttura dei vetri antiproiettili.

L’Ozono è invece assolutamente sicuro, non danneggia le plastiche, non intacca i vetri antiproiettile, è assolutamente ecologico, contrariamente ai detergenti, e la sua concentrazione è tale da non attaccare i metalli del veicolo.
È infatti erroneamente spesso associato ai fenomeni di ossidazione sui metalli, convinti che i veicoli arrugginiscano con l’uso dell’Ozono.

In realtà la concentrazione è così bassa che l’azione ossidante sul metallo è assolutamente infinitesimale.
Infatti è molto più rischiosa una guarnizione che non aderisce bene anche di un paio di centimetri piuttosto che l’uso quotidiano dell’Ozono, in quanto entra umidità che alla lunga può provocare molti danni.

Per iniziare a corrodere un veicolo con l’azione dell’Ozono sarebbero necessari oltre dieci anni di uso più che quotidiano, una situazione pressoché impossibile a verificarsi, mentre con l’etanolo bastano già poche applicazioni per vederne i primi effetti.

Disinfezione con acqua ozonizzata di frutta e verdura
Informazioni utili

Acqua Ozonizzata in cosa consiste e come si usa?

Dalla diffusione del nuovo Coronavirus, abbiamo dovuto far fronte ad innumerevoli disagi di ordine pratico ed emotivo.

Il timore del contagio per noi e i nostri cari ci ha portato ad imparare nuove regole e a cambiare routine di igiene personale e di igienizzazione e pulizia della casa.

Tra queste nuove abitudini uno tra i primi rimedi cui molti cittadini si sono affidati è stato quello di igienizzare casa, gli ambienti, le superfici con la candeggina, o di pulire oggetti con alcol portando molti a guardarsi intorno e a cercare delle soluzioni più efficaci e più ecologiche.

Tra queste una in particolare sta riscontrando un grande interesse ed è il metodo di sanificazione all’Ozono.

Questo gas ha la capacità di eliminare in maniera quasi totale germi, batteri, virus, muffe, funghi e altri microorganismi patogeni.
Essendo un elemento in forma gassosa, raggiunge ogni angolo della casa e si posa facilmente sugli oggetti e sulle superfici, senza quindi dover spostare nulla.

Inoltre, si riconverte naturalmente in ossigeno, in tempi che dipendono dalla potenza di erogazione dell’Ozono, ma che non superano una ventina di minuti.

Oggi abbiamo a disposizione sul mercato diversi apparecchi di erogazione all’Ozono, ma forse non tutti sanno che alcuni di essi sono dotati di appositi tubicini e appositi sistemi che possono essere collegati ai rubinetti di casa, per regalarci acqua perfettamente pulita e sanificata che possiamo adoperare per lavare indumenti o utilizzare per pulire superfici, senza usare additivi chimici.

I benefici dell’acqua ozonizzata

L’Ozono è un gas naturale composto da tre molecole di ossigeno (O3) e nasce dalla reazione tra l’Ossigeno (O2) e una forte tensione elettrica.
L’acqua ozonizzata è dunque normale acqua di rete nella quale ogni molecola di ossigeno è stata arricchita e “rinforzata” di un ulteriore atomo di Ossigeno.

Grazie alle sue proprietà decontaminanti, antivirali e ossigenanti, l’acqua arricchita con l’ozono viene utilizzata con successo per gli impieghi più vari, dalla sanificazione di oggetti e superfici alla disinfezione dei cibi, dal trattamento topico di malattie e infezioni sia nell’uomo che negli animali.

Ha infatti un largo utilizzo anche in campo veterinario, e ciò è molto interessante soprattutto in questo periodo in cui i proprietari degli amici a 4 zampe portano fuori a passeggio i loro cani.

L’Ozono, infatti, è efficace nella cura e disinfezione di ferite, ma anche di altri disturbi come l’otite esterna e le ulcere da compressione.

Le terapie a base di acqua ozonizzata sono sempre più diffuse in ambito clinico veterinario.

Ricapitoliamo quindi cosa possiamo fare con l’acqua ozonizzata:

  • sanificare ambienti e superfici
  • igienizzare oggetti, mobili, tessuti
  • decontaminare o prevenire la contaminazione del cibo
  • curare a livello topico ferite e patologie animali
  • curare a livello topico patologie dermatologiche nell’uomo

Il tutto senza utilizzare agenti chimici o disinfettanti nocivi.

Ricordiamo che l’acqua ozonizzata è potabile e da molti studi risulta avere notevoli benefici sulla salute.

Mano con guanto e panno su superficie gialla con altra mano che mantiene uno spruzzino
Informazioni utili

Pulizia e sanificazione Ambientale, come si fanno? Quali prodotti e macchinari usare?

Iniziamo subito col dire che un ambiente pulito non necessariamente risulta sanificato.

La pulizia è l’attività di rimozione dello “sporco visibile come la polvere, le macchie e i corpi estranei, da qualsiasi tipo di superficie.
È un’operazione preliminare indispensabile ai fini delle successive fasi di sanificazione ambientale e di disinfezione, ma da sola non è sufficiente e, anzi, non garantisce la salubrità dell’ambiente.

La sanificazione è un intervento mirato ad eliminare qualsiasi batterio ed agente contaminante che non è possibile rimuovere con le comuni pulizie.

Quali sono i metodi di sanificazione?

La sanificazione si attua molto spesso con l’ausilio di prodotti chimici detergenti per riportare il carico microbico entro limiti di igiene ottimali che dipendono dalla destinazione d’uso degli ambienti interessati.

Un’altra metodologia è l’utilizzo di apparecchiature a calore (come quelle a vapore), a fumigazione o ad Ozono, che sanificano l’aria, gli ambienti, le superfici, tessuti o l’acqua.

In ogni caso la sanificazione deve comunque essere preceduta dalla pulizia.

È importante quindi capire che esistono diversi metodi per pulire e sanificare gli ambienti e comprenderne le differenze può risultare determinante.

In tempo postCovid, sicuramente queste informazioni possono tornarci molto utili, o anche determinare quali attività saranno in grado di lavorare e quali dovranno invece chiudere.

Come si sanificano gli ambienti: metodi e prodotti utilizzabili.

Abbiamo detto che la pulizia di un ambiente si svolge spesso con l’ausilio di prodotti detergenti, solitamente chimici come disinfettanti, anticalcare, antipolvere e tanto altro, che rendono le superfici splendenti e spesso profumate.

Solitamente questa è una procedura che rientra nelle comuni routine di detersione degli ambienti, da quelli domestici a quelli della ristorazione e del mondo alberghiero.

Inoltre, risulta un’attività necessariamente preliminare a un eventuale servizio integrativo di sanificazione.

La sanificazione, invece è un’altra cosa.

Può richiedere l’utilizzo di particolari macchinari a calore (ad esempio a vapore), con i quali detergere le superfici smacchiandole, lucidandole ma anche igienizzandole.

Così come può impiegare particolari detergenti chimici ad alto spettro, per raggiungere notevoli tipologie di microorganismi come muffe, spore, acari.

Sempre più largamente si è invece esteso l’utilizzo di macchinari ad alta tecnologia come gli ozonizzatori, speciali strumenti che erogano Ozono, un gas altamente reattivo che ha la capacità di distruggere tutti i microorganismi come virus, batteri e qualsiasi agente patogeno, fino a raggiungere un livello di non pericolosità per l’uomo o una loro drastica eliminazione.

La sanificazione può poi essere seguita da un’ulteriore attività di disinfezione, un procedimento di distruzione o riduzione di batteri, micobatteri, virus, funghi con esclusione delle spore.
Ovviamente quest’ulteriore operazione non viene eseguita nel caso delle apparecchiature ad Ozono in quanto le stesse operano già su questa tipologia di patogeni.

Non dimentichiamo che, a seconda del settore produttivo (come quello sanitario o quello alberghiero, di ristorazione, dei trasporti pubblici, delle piscine, palestre) il trattamento scelto deve essere il più adeguato e va ripetuto periodicamente.

Ricordiamo, inoltre, che la sanificazione ambientale, per essere completa, deve necessariamente tenere conto, a seconda delle dimensioni, degli impianti e del numero degli ambienti, di particolari tipi di procedimenti di sanificazione:

  • Sanificazione delle superfici orizzontali e verticali, con particolari erogatori a calore o a erogazione di disinfettanti
  • Sanificazione dell’aria, possibile solo con gli erogatori all’ozono
  • Sanificazione dell’acqua, con impianti di erogazione all’Ozono o con l’utilizzo di agenti disinfettanti come il cloro anche se meno efficaci in quanto il cloro è meno efficace del 52% rispetto all’Ozono.

Oggi uno dei migliori trattamenti di sanificazione, da poter utilizzare anche a uso domestico grazie ad appositi apparecchi che risultano adatti per semplicità di utilizzo e per dimensioni, è quella all’Ozono.